B.C.M. Power & Tools s.a.s.
via Case dell'Unto, 52
03029 Veroli (FR)
p.Iva: 02599640600

Tel: +39.0775.1856183
Fax: +39.0775.1850165

Soluzioni per il brushless: progettazione e produzione.

I nostri brushless

I brushless B.C.M. sono motori out – runner che possono essere dotati, a seconda delle prestazioni richieste, di sensori ad effetto Hall che ne garantiscono un controllo più accurato, una coppia di spunto superiore ed una coppia di stallo maggiore. Sono motori ad ingombro ridotto di taglia variabile e personalizzabile. Ogni motore è prodotto con tecnologie industriali d’avanguardia: ogni componente è disegnato e realizzato grazie all’ausilio del computer e di macchinari a controllo numerico.

Principali caratteristiche

  • Motore trifase trapezoidale
  • Assenza di spazzole
  • Tensione di utilizzo fino a 48 Volt DC
  • Potenza fino a 2.000 Watt
  • Coppia fino a 5 Nm
  • Peso da 150 gr a 600 gr
  • Diametro esterno da 30 mm a 70 mm
  • Compatibile con Driver/Azionamento DC con o senza sensori

Principali differenze con i motori a spazzole

I brushless B.C.M., confrontati con i motori a spazzole, a parità di potenza hanno un peso nettamente inferiore. L’assenza di spazzole,fa sì che i nostri motori presentino un’usura nulla. Questo consente inoltre di gestire correnti estremamente alte, limitando di fatto la possibilità di guasti dovuti a sovralimentazioni. L’assenza di contatti striscianti fa si che i nostri motori non manifestino alcuno scintillìo, aspetto che procura i seguenti vantaggi:

  • ridotte emissioni di interferenze elettromagnetiche;
  • possibilità di operare in ambienti ove siano presenti sostanze infiammabili.

Principali differenze con i motori in-runner (rotore interno)

I motori B.C.M. confrontati con i motori in- runner, a parità di peso erogano più coppia, quest’ultimi, tradizionalmente applicati in ambito industriale, si prestano in utilizzi dove sono preferibili elevati regimi di rotazione a discapito della coppia. I nostri brushless presentano regimi molto contenuti ed elevata coppia, caratteristica che in molte occasioni permette al progettista di eliminare o semplificare gli stadi di riduzione. La coppia di spunto e quella di stallo possono essere ulteriormente incrementate dotando il motore di sensori la cui presenza lo rende compatibile con azionamenti sensored (di tipo industriale).